Need help? Chat now!

Hostwinds Blog

Cerca risultati per:


Milioni di account di posta elettronica tedeschi violati, afferma BSI Immagine in primo piano

Milioni di account di posta elettronica tedeschi violati, afferma BSI

di: Bryon Turcotte  /  gennaio 23, 2014


L'Ufficio federale tedesco per la sicurezza (BSI) ha recentemente riferito che circa 16 milioni di utenti di posta elettronica hanno subito la compromissione dei dettagli del proprio account hacker, secondo un articolo pubblicato su Sito Web di professionisti IT. L'articolo indicava che i computer attaccati erano stati infettati da Software Ciò ha permesso i cyber-criminali di raccogliere "indirizzi e-mail e password" dai loro proprietari individuali.

Il rapporto ha confermato che il BSI ha lanciato "un sito web in cui le persone possono controllare se i loro account sono stati compromesso. Sfortunatamente, il sito web ha sperimentato un numero di arresti anomali a causa del "peso della domanda da parte di utenti preoccupati_ ", secondo il articolo. La BSI ha rilasciato una dichiarazione - Tradotto dal tedesco - che è stato citato nel articolo Dire: "L'analisi di botnet da istituti di ricerca e forze dell'ordine circa 16 milioni erano account utente compromessi. Gli indirizzi e-mail sono stati consegnati a BSI in modo che gli utenti interessati possano essere informati e adottare le misure di protezione necessarie."

Un ulteriore avvertimento della BSI, come affermato nell'articolo, annuncia che gli utenti toccati da questo attacco "_Could essere a rischio di identità heft_" e ha consigliato che le vittime dovrebbero immediatamente "_Check PC per malware e modificare password per account e-mail, siti di social networking e negozi online. "L'Agenzia tedesca non ha ancora commentato alcun dettaglio sul botnet - Quando è stato analizzato, chi è responsabile o il tempo esatto il attacco da posizionare, secondo il articolo.

Leggi di più su questo e altri eventi attacchi che hanno avuto effetti simili in altri paesi nel pieno articolo qui al Sito Web di professionisti IT.

Scritto da Bryon Turcotte  /  gennaio 23, 2014